Schiscette stellate come segno d’attenzione nelle difficoltà

In un momento di forte difficoltà per tante famiglie come quello pandemico, abbiamo rivolto particolare attenzione verso le persone e il territorio, sostenendo la Fondazione Don Gino Rigoldi nel progetto “Prendersi Cura non ha scadenza”. 
Fondazione Don Gino Rigoldi - Banca Ifis
Insieme alla Fondazione Don Gino Rigoldi abbiamo offerto un segno di attenzione e cura a persone che attraversano un momento di difficoltà. Con il progetto “Prendersi cura non ha scadenza”, le 52 famiglie destinatarie del pacco alimentare distribuito dall’associazione hanno ricevuto settimanalmente anche 3 pasti caldi firmati da chef stellati.

Non ci accontentiamo di dare da mangiare a chi fame: crediamo sia importante intervenire portando capacità di immaginarsi un futuro diverso.
Don Gino Rigoldi

Il progetto

Grazie anche al nostro contributo, 218 persone seguite dalla Fondazione hanno ricevuto settimanalmente – insieme ai periodici pacchi alimentari –  3 ‘schiscette’ calde, preparate dai ragazzi della Cooperativa Sociale Comunità Nuova, partner della Fondazione, sotto la guida di chef stellati oltre alla preparazione e alla distribuzione di più di 7400 pasti caldi. Il cibo gourmet è stata l’occasione per creare una convivialità con le famiglie – messe in ginocchio dall’emergenza sanitaria – e ascoltarne i bisogni e difficoltà per accompagnarle verso una soluzione che possa renderle autonome. Il dialogo è stato portato avanti per le 12 settimane di durata del progetto e ha previsto l’affiancamento di un educatore e un tutor in un percorso virtuoso per aiutarle a ripartire.

I numeri dell’iniziativa

12
Settimane
3
pasti
caldi stellati settimanali
52
famiglie
coinvolte dal progetto
218
persone
coinvolte dal progetto

Gli chef coinvolti

I pasti distribuiti sono stati pensati e preparati da cuochi di eccezione, che si sono alternati ai fornelli insieme alle persone della Cooperativa Sociale Comunità Nuova. Tra gli altri, hanno collaborato: Alessandro Borghese, Cristiano Tomei, Tommaso Arrigoni, Elio Sironi e Claudio Sadler.

La Fondazione Don Gino Rigoldi

Fondazione Don Gino Rigoldi è da sempre impegnata in attività di sostegno alle famiglie in difficoltà socio-economica. L’emergenza sanitaria e sociale dovuta alla pandemia da Covid-19 ha portato la Fondazione a un impegno ancora più forte su più fronti: distribuzione di 500 pc per la didattica a distanza dei ragazzi, consegna di oltre 600 carte prepagate per la spesa per le famiglie in difficoltà, sostegno alla prima infanzia per 40 nuclei famigliari insieme a Croce Rossa di Milano.