Lucart, l’economia circolare come traguardo quotidiano

Ripara, riusa, ricicla: questi gli imperativi dell’economia circolare e metterli in atto a livello industriale è un impegno che richiede capacità di innovare, di guardare oltre lo scarto. Lo chiede l’ONU nei suoi Obiettivi di sostenibilità dell’Agenda 2030, lo rendono realtà le tante imprese che ogni giorno lavorano in questa direzione, i PMIheroes.
Lucart è un’azienda cartaria, nata in provincia di Lucca negli anni Cinquanta, si occupa della realizzazione di prodotti in carta per l’igiene esportati in oltre 70 Paesi nel mondo con brand molto conosciuti come Tenderly, Tutto Pannocarta, Grazie Natural, Lucart Professional. Lucart da sempre impiega carta riciclata e pone attenzione al risparmio di risorse naturali. Oggi la sostenibilità e l’impegno nell’utilizzo di modelli di business circolari sono parte integrante della mission e della vision dell’azienda. In questa direzione oltre dieci anni fa Lucart ha investito in innovazione dando nuova vita ai materiali contenuti nei cartoni di tetrapak, che all’epoca di pensava non riciclabili. L’impegno dell’impresa continua ancor più oggi limitando l’impatto ambientale di tutti i processi produttivi.
Le nostre carte continueranno ad avere molto futuro e ad essere molto utilizzate perché contribuiscono all’igiene, però queste carte dovranno essere sempre più ecologiche. Ci sarà sempre di più dal mercato, anche dalla GDO, la richiesta di avere dei prodotti riciclati e certificati.
Tommaso De Luca, Responsabile della Comunicazione Corporate di Lucart
“Garantire modelli di consumo e produzione sostenibili.”
OBIETTIVO n. 12 Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile