Cessione del credito d’imposta

Superbonus, Ecobonus e altri bonus fiscali edilizi

Abbiamo messo a punto una soluzione finanziaria dedicata a dare liquidità alle imprese edili e ai general contractor titolari di crediti di imposta derivanti da lavori di efficientamento energetico e/o riduzione del rischio sismico, nell’ambito delle previsioni del Decreto Rilancio (DL 34/2020 convertito con modifiche nella Legge 77/2020).

Un prodotto per le imprese edili specializzate nell’esecuzione di interventi contemplati dal Superbonus 110% e da altri bonus fiscali edilizi che prevedono la possibilità di applicare lo “sconto in fattura” e la cessione del credito a banche e intermediari finanziari.

Il supporto finanziario alle imprese per i lavori di riqualificazione energetica e sismica, a beneficio della sostenibilità ambientale, della sicurezza dei singoli e dell’economia, inoltre, si coniuga con le iniziative a tutela dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile realizzate da Banca Ifis.

Cosa offriamo

Acquisto pro soluto del credito d’imposta

Completati gli interventi, fino al 31 dicembre 2021 si cede alla Banca il credito fiscale a fronte del quale sarà riconosciuto un corrispettivo certo.

Anticipazione del corrispettivo del credito d’impo

All’impresa è concessa la liquidità necessaria per sostenere gli interventi da eseguire.

I vantaggi della Cessione del credito d’imposta

La cessione del credito d’imposta può rivelarsi molto conveniente:

  • Per le imprese che prevedono di non avere un debito d’imposta abbastanza “capiente” per usufruire integralmente dei bonus in detrazione, tanto più considerando che le quote di Superbonus non detratte dall’imposta lorda di ciascun anno non sono in alcun modo recuperabili dal contribuente;
  • Per le imprese che, pur potendo avvalersi della detrazione dei bonus con le modalità ordinarie, desiderano monetizzarne fin da subito il valore, ottenendo facilmente liquidità per le proprie esigenze di business.

Pochi documenti, massima trasparenza

Offriamo un processo di attivazione particolarmente snello, alla cui base vi è solo la richiesta della documentazione strettamente necessaria, nel dettaglio:

Per il Superbonus 110%:

Contratto d’appalto

tra impresa e beneficiario dei lavori (privato o condominio)

Visto di conformità

Per gli altri bonus:

Contratto d’appalto

tra impresa e beneficiario dei lavori (privato o condominio)

Ricevuta di bonifico parlante

Ricevuta di avvenuta trasmissione all’ENEA

contenente l’indicazione del codice identificativo e la scheda descrittiva dell’intervento.

Solo nel caso di Sismabonus, inoltre:

  • Dichiarazione di conformità delle opere realizzate al progetto depositato, rilasciata dal direttore dei lavori e dal collaudatore statistico, ciascuno per le rispettive competenze professionali, e ricevuta di deposito in Comune.

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali dell’Acquisto pro soluto Crediti di Imposta e del Factoring, consulta i rispettivi fogli informativi disponibili presso le filiali e nella sezione Trasparenza del sito www.bancaifis.it.

Cerchi informazioni o assistenza?

Contattaci