10/12/2013
10:48

Il CdA di Banca IFIS ha approvato la relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2008

Privati

Mestre, 23 ottobre 2008 – «Anche nel corso del terzo trimestre abbiamo continuato a fornire alle imprese il supporto finanziario e di servizio che caratterizza il nostro modello di business – ha dichiarato Giovanni Bossi, amministratore delegato di Banca IFIS, che prosegue: nonostante le difficili condizioni di mercato Banca IFIS, consapevole del proprio posizionamento e del ruolo attivo nei confronti delle piccole e medie imprese, ha ritenuto di proseguire nella propria strategia di erogazione del credito, pur adeguando le proprie politiche di rischio e di pricing alle mutate condizioni del
contesto di riferimento. I risultati del trimestre appena concluso ne sono una positiva conferma».

TERZO TRIMESTRE 2008 (confronto con il terzo trimestre 2007)
• Utile netto a 6,1 mln/€: + 7,7% (+29,7% al netto di proventi/oneri non ricorrenti realizzati nel terzo trimestre 2007)
• Margine di intermediazione a + 17,9 mln/€: +19,2% (+32,6% al netto di proventi non ricorrenti realizzati nel terzo trimestre 2007)
• Margine interessi a 8 mln/€: + 58,4%
• Commissioni nette a 10 mln/€: +18,6%
• Rapporto sofferenze nette/impieghi all’1,0%
• Turnover a 814 mln/€: +6,6%
• Assoluta assenza di esposizioni su asset “tossici”

I risultati
Nel corso del terzo trimestre 2008 il Gruppo Banca IFIS ha registrato un turnover (volume dei crediti acquisiti) pari a 814 milioni di euro (+6,6% rispetto ai 764 milioni di euro dell’omologo periodo del 2007). Nei primi 9 mesi del 2008 il turnover si è attestato a 2.389 milioni di euro, in crescita del 6,9% rispetto a 2.236 milioni di euro al 30 settembre 2007.

Il margine di interesse ha raggiunto gli 8 milioni di euro, in crescita del 58,4% rispetto a 5,1 milioni di euro dell’omologo periodo del 2007. Nei primi nove mesi ha registrato un incremento del 61,2% rispetto all’omologo periodo del 2007 passando da 13,1 milioni di euro a 21,1 milioni di euro. Tale incremento è il risultato della dinamica dei tassi di mercato nonché delle azioni volte a ottimizzare la redditività degli impieghi.
Il margine commissioni nette si è attestato a 10 milioni di euro, in crescita del 18,6% rispetto agli 8,4 milioni di euro del terzo trimestre 2007. Nei primi nove mesi ha registrato un incremento del 25,9% rispetto all’omologo periodo del 2007 passando da 22,2 milioni di euro a 28 milioni di euro.

Il margine di intermediazione è in crescita del 19,2% rispetto ai 15 milioni di euro del terzo trimestre 2007. Il dato del 2007 includeva proventi non ricorrenti pari a 1,5 milioni di euro; escludendo tali poste il margine di intermediazione del terzo trimestre 2008 registra un incremento del 32,6%.
Il margine di intermediazione nei primi nove mesi del 2008 è pari a 50,3 milioni di euro, in crescita del 32,7% rispetto ai 37,9 milioni di euro dell’omologo periodo del 2007 (al netto di proventi non ricorrenti realizzati in entrambi i periodi di riferimento, risulta in crescita del 40,4%).

Le rettifiche di valore su crediti sono pari a 1,9 milioni di euro, in aumento rispetto al 1,3 milioni di euro nel terzo trimestre 2007.
I costi operativi hanno registrato un incremento passando da 6 milioni di euro nel terzo trimestre 2007 a 7 milioni di euro nel terzo trimestre 2008 (+16,9%), dovuti all’espansione dell’attività e al potenziamento della struttura in particolare in termini di risorse umane e spese collegate.

L’utile al lordo delle imposte del terzo trimestre 2008 si attesta a 8,9 milioni di euro, in crescita del 13,6% rispetto a 7,8 milioni di euro dell’omologo periodo del 2007. Nei primi nove mesi del 2008 si è attestato a 25,2 milioni, con un incremento del 25,8% rispetto a 20 milioni di euro al 30 settembre 2007.

Al netto delle imposte (che passano da 2,1 milioni di euro a 2,9 milioni di euro, +34,8%) l’utile netto del trimestre è pari a 6,1 milioni di euro, in crescita del 7,7% rispetto a 5,6 milioni di euro registrati nel terzo trimestre 2007. Depurando i dati del 2007 da proventi/oneri non ricorrenti, l’utile netto del terzo trimestre 2008 registra un incremento del 29,7%. L’utile netto nei nove mesi raggiunge i 18 milioni di euro, in crescita del 29,3% rispetto a 13,9 milioni di euro al 30 settembre 2007 (al netto di proventi/oneri non ricorrenti realizzati in entrambi i periodi di riferimento, risulta in crescita del 42,6%).

Assenza di esposizioni su asset “tossici”
Il Gruppo Banca IFIS presenta un attivo di rischio concentrato pressoché interamente sul portafoglio crediti e non ricorre ad un portafoglio di strumenti finanziari di proprietà come forma di investimento. Ne consegue che tra le attività del Gruppo Banca IFIS non sono presenti strumenti ad alta volatilità, né, tantomeno, quegli strumenti finanziari che hanno determinato le perdite sugli attivi di altri intermediari in questa particolare congiuntura economica.

Condividi