Banca IFIS allarga i confini e sbarca in India (2 febbraio 2011)

    Banca IFIS S.p.A.
    Gruppo Banca IFIS



Banca IFIS ha assunto, nello scorso mese di febbraio, una partecipazione del 10% nel capitale della neocostituita società India Factoring and Finance Solutions Private Limited, con sede a Mumbai in India, i cui azionisti principali sono la Punjab National Bank, seconda banca indiana con la più estesa rete di filiali, e la FiMBank Plc, banca specializzata nel trade finance.
Le motivazioni strategiche alla base della costituzione della nuova società sono rappresentate dagli ampi margini di crescita del factoring in termini assoluti in un Paese con una spiccata vocazione alla produzione ed all’esportazione, nonché dai fatti dimostrati che il sistema bancario indiano è stato colpito solo marginalmente dalla crisi finanziaria.
Banca IFIS, inoltre, per effetto della propria vocazione in tema di politica di sviluppo e di internazionalizzazione, intende accrescere l’intensità dei volumi di scambio fra India ed Italia, andando ad inserirsi in un mercato interessante al fianco di un player autorevole e capace.
Nel mese di novembre 2010, a seguito dell’autorizzazione rilasciata dalla Royal Bank of India alla società India Factoring Private Limited ad operare come non‐banking institution, Banca IFIS ha provveduto a sottoscrivere una seconda tranche di capitale sociale, così come previsto dallo “share subscription agreement”. La quota che Banca IFIS ha provveduto a sottoscrivere è di 5 milioni di azioni per un valore di 50 milioni di rupie, pari ad un controvalore di circa 800 mila euro. La partecipazione di Banca IFIS al capitale sociale dopo la citata nuova sottoscrizione è rimasta invariata al 10%.
Il profilo finanziario dell’investimento appare supportato dalle buone possibilità di crescita del valore detenuto dagli azionisti in parallelo con lo sviluppo del business della società, creata con lo scopo primario di offrire factoring, forfaiting e altri prodotti di trade finance, particolarmente nel settore delle piccole e medie imprese.


Indietro