OPA su Toscana Finanza

    Banca IFIS S.p.A.
    Gruppo Banca IFIS



Banca IFIS – società attiva nel finanziamento alle imprese quotata al segmento STAR di Borsa Italiana (IT0003188064) – nell’ambito dell’offerta pubblica di acquisto volontaria (l’“;Offerta”;) sulle azioni ordinarie di Toscana Finanza S.p.A. (l’“;Emittente”;) annunciata originariamente in data 9 luglio 2009 e successivamente modificata a seguito degli accordi stipulati in data 5 marzo 2010, rende noto di aver ricevuto in data 21 febbraio 2011 l’autorizzazione da parte di Banca d’Italia ai sensi degli artt. 53 e 67 del TUB, all’acquisizione della partecipazione di controllo in Toscana Finanza S.p.A..
Si ricorda che l’Offerta è finalizzata all’acquisto, da parte di Banca IFIS, dell’intero capitale sociale di Toscana Finanza S.p.A. ad un corrispettivo pari ad Euro 1,50 per azione e alla successiva revoca delle negoziazioni delle azioni di Toscana Finanza dal MTA.
L’Offerta è condizionata al raggiungimento, da parte di Banca IFIS S.p.A., di una partecipazione almeno pari al 66,67% del capitale sociale di Toscana Finanza S.p.A, condizione che potrà essere in qualsiasi momento, in tutto o in parte, rinunciata o modificata da Banca IFIS nei termini di legge e regolamento. Banca IFIS intende ottenere la revoca della quotazione delle azioni dell’emittente dal MTA attraverso l’esercizio degli obblighi e/o del diritto di acquisto ai sensi degli artt. 108 e 111 del TUF e – anche nel caso in cui a seguito dell’Offerta non dovessero essere raggiunte le soglie rilevanti ai fini delle citate disposizioni legislative – Banca IFIS intende perfezionare la fusione per incorporazione di Toscana Finanza in Banca IFIS, con contestuale scorporo di tutte le attività e passività trasferibili di Toscana Finanza a favore di Fast Finance S.p.A., controllata 100% da Toscana Finanza stessa, operazioni societarie quest’ultime che dovranno essere sottoposte alla preventiva autorizzazione di Banca d’Italia una volta assunte le pertinenti deliberazioni dei competenti organi sociali.
Si prevede di riprendere quanto prima l’iter autorizzativo di fronte a Consob al fine di consentire a Banca IFIS di dare tempestivo avvio all’Offerta.


Indietro