Banca IFIS: stipulato l’atto di fusione per incorporazione di Toscana Finanza

    Banca IFIS S.p.A.
    Gruppo Banca IFIS



Banca IFIS, specializzata nel finanziamento commerciale alle imprese, rende noto che in data odierna è stato stipulato l’atto di fusione per incorporazione in Banca IFIS S.p.A. di Toscana Finanza S.p.A., attiva nell’acquisizione pro‐soluto e nella gestione di crediti di difficile esigibilità.
La fusione ha come scopo il rafforzamento organizzativo dei processi della società neo‐acquisita, la semplificazione dell’esercizio del controllo strategico, gestionale e tecnico‐operativo, nonché l’ottenimento di sinergie ed economie di scala pur mantenendo in essere strutture ad elevata specializzazione. La fusione, subordinatamente all’iscrizione dell’atto presso i competenti uffici del Registro delle Imprese, avrà efficacia civilistica, contabile e fiscale a decorrere dal 31 dicembre 2011.
In conformità a quanto deliberato dall’Assemblea degli azionisti di Banca IFIS S.p.A. in data 2 novembre 2011, la fusione si effettuerà senza dar luogo, per la società incorporante Banca IFIS, ad alcun aumento di capitale e mediante l’attribuzione di azioni proprie Banca IFIS agli azionisti della Società incorporata Toscana Finanza.
Le azioni della società incorporata Toscana Finanza possedute da Banca IFIS saranno annullate.
Come precedentemente comunicato, agli azionisti Toscana Finanza che non abbiano esercitato il diritto di recesso saranno attribuite, per il tramite degli Intermediari depositari in ambito Monte Titoli, azioni Banca IFIS nel rapporto di cambio di n. 7 azioni ordinarie Banca IFIS ogni n. 23 azioni ordinarie Toscana Finanza.
Agli azionisti di Toscana Finanza S.p.A., per il tramite degli intermediari depositari in ambito Monte Titoli, verrà attribuito il numero intero di azioni Banca IFIS S.p.A. spettanti in applicazione del suddetto rapporto, monetizzando il controvalore delle frazioni spettanti calcolato sulla base della media ponderata dei prezzi ufficiali delle azioni Banca IFIS rilevati sul mercato MTA nei primi 3 giorni di quotazione ex fusione (2‐3‐4 gennaio 2012). Nessun onere verrà posto a carico degli azionisti Toscana Finanza S.p.A. per la citata operazione.
Le operazioni di concambio verranno effettuate, a partire dal 2 gennaio 2012, presso gli sportelli di Banca Akros S.p.A. nonché presso ogni altro intermediario autorizzato ai sensi di legge. Per agevolare le operazioni di concambio, sarà messo a disposizione degli azionisti di Toscana Finanza, per il tramite dei rispettivi intermediari depositari, un servizio affidato a Banca Akros S.p.A., per il trattamento delle eventuali frazioni di azioni correlate alla fusione.
Agli azionisti Toscana Finanza che hanno esercitato il recesso sarà corrisposto, in data 2 gennaio 2012, un corrispettivo pari ad euro 1,59 per azione. Le azioni ordinarie Toscana Finanza verranno revocate dalla quotazione a decorrere dal primo giorno di Borsa aperta successivo alla data di efficacia della fusione (2 gennaio 2012).


Indietro