28/06/2021
11:07

Michele Pavan, Responsabile Information Security

Information Security

 

Cos’hai pensato quando sei arrivato in Banca Ifis?

Ricordo molto bene la prima volta in Banca Ifis. Il mio primo colloquio è stato nell’aprile del 2013 e poco dopo sono entrato a far parte della Banca.
Quando sono arrivato ho pensato che dopo oltre vent’anni di consulenza potevo dare il mio contributo per costruire qualcosa da coltivare, vivere e sviluppare giorno per giorno.

Come sei cresciuto come persona all’interno della Banca?

Quando sono arrivato in Banca l’Information Security aveva una connotazione prettamente operativa e non aveva ancora una propria identità organizzativa. Nel corso del tempo è stato fatto molto per trasmettere il senso di trasversalità che la Sicurezza delle informazioni ha e deve avere all’interno di un Gruppo aziendale strutturato come quello di Banca Ifis.
Oggi l’ufficio a cui appartengo ha una propria connotazione che si occupa di Privacy, Business Continuity e Cyber Security. Siamo a supporto di tutta la Banca su temi verticali e specifici, con una visione d’insieme che permette di avere uno sguardo ad ampio raggio e che ci mette costantemente in gioco da un punto di vista professionale, personale e caratteriale. La collaborazione con le altre unità organizzative e con gli altri colleghi è frutto anche delle relazioni interpersonali: credo che capire il lavoro che ciascuno di noi svolge sia uno dei requisiti per lavorare insieme e andare nella giusta direzione.
Personalmente, è proprio su questo aspetto che credo di essere cresciuto.

Qual è stata la tua soddisfazione lavorativa più grande?

Il riconoscimento, da parte di tutti i colleghi quale riferimento aziendale per tutte le tematiche inerenti all’Information Security. Il raggiungimento di questo risultato, è frutto di continue attività di comunicazione, informazione e collaborazione volte ad innalzare costantemente il livello di consapevolezza aziendale in questa materia.

Cosa ti aspetti dal tuo futuro professionale e personale?

Vivo la crescita costante della Banca e le continue evoluzioni dello specifico contesto lavorativo in cui opero come un’opportunità di crescita professionale e personale. Ogni giorno ci sono cose nuove da conoscere e approfondire, persone nuove con le quali relazionarsi; questo è uno degli aspetti più belli ed interessanti del mio lavoro.

 

Condividi